8 Marzo Festa della Donna

8 marzo Festa della Donna, profumo di primavera nell’aria …. 

I primi fiori primaverili, quelli gialli, si fanno spazio fra le foglie secche delle querce. Fra questi, il simbolo è rappresentato dalla mimosa. Le immagini e gli auguri per la festa della donna non prescindono da questo fiore di odore intenso.

 

mimosa 8 Marzo Festa della Donna

 

Ma ci sono altri fiori gialli bellissimi come i narcisi, il gelsomino cinese ed anche utili, soprattutto per noi donne, come il tarassaco.

 

tarassaco iris gelsomino cinese 1024x768 8 Marzo Festa della Donna

 

Il tarassaco è infatti ottimo in decotto, o crudo tagliato fine in insalata con i suoi bei fiori gialli. Essendo un erba con proprietà diuretiche, addio senso di gonfiore, ritenzione idrica e cellulite.

 

Foto tarassaco 768x1024 8 Marzo Festa della Donna

 

In primavera tutte noi dovremmo approfittare del grande regalo di erbe spontanee che la natura ci fa. Le erbe sono fonte di salute e un insalata è facile da fare, è un piacere per gli occhi e per il palato. Vi ricordate l’Insalata del Prato Fiorito che vi avevo proposto in una delle pagine del mio blog? Bene, a breve, sarà il momento giusto per farla. Venite a Villa Cheti ed andiamo assieme a raccogliere le erbe che poi ci serviranno per le nostre salutari insalate!

Ideona, prima venite a trovarci al B&B Serra Gerace a Genova nel week-end dell’8 marzo e fatevi gli auguri per la festa della donna mentre noi vi offriamo una coccola di benessere e di bellezza …. 

 

Manicure session 1024x1024 8 Marzo Festa della Donna

 

E poi, in primavera, sessione detossinante a Villa Cheti, in campagna, alla ricerche delle erbe spontanee.

 

Con l’augurio che l’ 8 marzo per le donne duri tutto l’anno condivido questa poesia di Alda Merini:

A tutte le donne
Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l’emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d’amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d’amore.